La prossima depressione globale sta arrivando e l’ottimismo non lo rallenterà

Il mondo è confuso e spaventato. Le infezioni da COVID-19 sono in aumento negli Stati Uniti e in tutto il mondo, anche nei paesi che una volta pensavano di aver contenuto il virus. Le prospettive per il prossimo anno sono nel migliore dei casi incerte; i paesi si stanno affrettando a produrre e distribuire vaccini a rotta di collo, alcuni optando per bypassare le sperimentazioni in fase critica. Nel frattempo, i numeri della disoccupazione rimangono vertiginosamente alti, anche se gli Stati Uniti, il mercato azionario continua a sfidare la gravità. Siamo diretti in una depressione globale – un periodo di miseria economica che poche persone viventi hanno vissuto.

Non stiamo parlando di Hoovervilles. Oggi gli Stati Uniti e la maggior parte del mondo hanno una classe media robusta. Abbiamo reti di sicurezza sociale che non esistevano nove decenni fa. Fortunatamente, questo è vero anche per i paesi in via di sviluppo. La maggior parte dei governi oggi accetta una profonda interdipendenza economica tra le nazioni creata da decenni di globalizzazione del commercio e degli investimenti., Ma coloro che si aspettano una cosiddetta ripresa economica a forma di V, uno scenario in cui i vaccinatori conquistano la COVID-19 e tutti tornano subito al lavoro, o anche un rimbalzo regolare e costante a lungo termine come quello che ha seguito la crisi finanziaria globale un decennio fa, rimarranno delusi.

Iniziamo con la parola depressione. Non esiste una definizione comunemente accettata del termine. Questo non è sorprendente, dato quanto raramente sperimentiamo catastrofi di questa portata., Ma ci sono tre fattori che separano una vera depressione economica da una semplice recessione. In primo luogo, l’impatto è globale. In secondo luogo, taglia più in profondità i mezzi di sussistenza di qualsiasi recessione che abbiamo affrontato nelle nostre vite. In terzo luogo, i suoi effetti negativi si protrarranno più a lungo.

Una depressione non è un periodo di contrazione economica ininterrotta. Ci possono essere periodi di progresso temporaneo al suo interno che creano l’aspetto del recupero. La Grande Depressione del 1930 iniziò con il crollo del mercato azionario dell’ottobre 1929 e continuò nei primi anni 1940, quando la seconda guerra mondiale creò le basi per una nuova crescita., Quel periodo comprendeva due cali economici separati: prima dal 1929 al 1933, e poi di nuovo dal maggio 1937 al 1938. Come negli 1930, è probabile che vedremo momenti di espansione in questo periodo di depressione.

Le depressioni non generano solo brutte statistiche e inviano acquirenti e venditori in ibernazione. Cambiano il nostro modo di vivere. La Grande recessione ha creato molto poco cambiamento duraturo. Alcuni leader eletti in tutto il mondo ora parlano più spesso della disuguaglianza della ricchezza, ma pochi hanno fatto molto per affrontarla., Ampi segmenti della società, in particolare le persone che non erano già sull’orlo del pensionamento, sono stati in grado di accovacciarsi e in seguito tornare allo stesso approccio al risparmio e agli investimenti che praticavano prima della crisi. Sono stati ricompensati con un periodo di recupero solido e duraturo. Questo è molto diverso dalla crisi attuale. I timori di COVID-19 porteranno cambiamenti duraturi agli atteggiamenti del pubblico verso tutte le attività che coinvolgono folle di persone e il modo in cui lavoriamo quotidianamente; cambierà anche in modo permanente la posizione competitiva dell’America nel mondo e solleverà una profonda incertezza sugli Stati Uniti,- Relazioni Cina andando avanti.

Bureau of Labor Statistics, National Bureau of Economic Statistics, Eurasia Group

Inoltre, disfunzione politica–negli Stati Uniti e in tutto il mondo–è più grave rispetto al 2008-2009. Mentre la crisi finanziaria ha preso piede, non c’è stato alcun dibattito tra democratici e repubblicani sul fatto che l’emergenza fosse reale. Nel 2020, c’è poco consenso su cosa fare e come farlo.

Ritorna alla nostra definizione di depressione economica., In primo luogo, l’attuale rallentamento è senza dubbio globale. La maggior parte delle recessioni statunitensi del dopoguerra hanno limitato i loro effetti peggiori all’economia nazionale. Ma la maggior parte erano il risultato di inflazione interna o un inasprimento dei mercati nazionali del credito. Questo non è il caso di COVID-19 e l’attuale rallentamento globale. Questa è una crisi sincronizzata, e proprio come l’implacabile ascesa della Cina negli ultimi quattro decenni ha sollevato molte barche nei paesi più ricchi e più poveri, così i rallentamenti in Cina, negli Stati Uniti e in Europa avranno un impatto globale sul nostro mondo globalizzato., Questo coronavirus ha devastato ogni grande economia del mondo. Il suo impatto è sentito ovunque.

Le reti di sicurezza sociale vengono ora testate come mai prima d’ora. Alcuni si romperanno. I sistemi sanitari, in particolare nei paesi più poveri, stanno già cedendo sotto sforzo. Mentre lottano per far fronte al costo umano di questo rallentamento, i governi saranno in default sul debito. Per tutti questi motivi, i paesi a reddito medio e in via di sviluppo sono particolarmente vulnerabili, ma gli oneri del debito e la probabilità di default metteranno sotto pressione l’intero sistema finanziario globale.,

La seconda caratteristica di definizione di una depressione: l’impatto economico di COVID-19 taglierà più profondo di qualsiasi recessione nella memoria vivente. Il rapporto di politica monetaria presentato al Congresso a giugno dalla Federal Reserve ha osservato che “la gravità, la portata e la velocità della conseguente recessione dell’attività economica sono state significativamente peggiori di qualsiasi recessione dalla seconda guerra mondiale”. L’occupazione dei salari è scesa di 22 milioni senza precedenti a marzo e aprile prima di aggiungere 7,5 milioni di posti di lavoro a maggio e giugno. Il tasso di disoccupazione è salito a 14.,7% ad aprile, il livello più alto dalla Grande Depressione, prima di recuperare a 11.1% a giugno.

Un negozio di caffè di Londra si trova chiuso come le piccole imprese di tutto il mondo devono affrontare difficili probabilità di sopravvivere
Andrew Testa—The New York Times/Redux

Ora per le cattive notizie. Innanzitutto, questi dati riflettono le condizioni di metà giugno-prima del picco più recente nei casi di COVID-19 in tutto il sud e l’ovest americano che ha causato almeno uno stallo temporaneo nella ripresa. I segnali di disagio economico aziendale stanno aumentando., E la seconda e la terza ondata di infezioni da coronavirus potrebbero gettare molte più persone senza lavoro. In breve, non ci sarà alcun recupero sostenibile fino a quando il virus non sarà completamente contenuto. Probabilmente significa un vaccino. Anche quando c’è un vaccino, non capovolgerà un interruttore riportando il mondo alla normalità. Alcuni avranno il vaccino prima che altri lo facciano. Alcuni a cui viene offerto non lo prenderanno. Il recupero arriverà da fits and starts.,

Lasciando da parte il problema unico di misurare il tasso di disoccupazione durante una pandemia una volta in un secolo, c’è un segnale di avvertimento più importante qui. Il rapporto del Bureau of Labor Statistics ha anche osservato che la quota di perdite di posti di lavoro classificate come “temporanee” è scesa dall’ 88,6% di aprile e maggio al 78,6% di giugno. In altre parole, una percentuale maggiore dei lavoratori bloccati in quel tasso di disoccupazione (ancora storicamente alto) non avrà posti di lavoro a cui tornare., Questa tendenza è destinata a durare perché COVID-19 costringerà molte più aziende a chiudere le loro porte per sempre, ei governi non continueranno a scrivere assegni di salvataggio a tempo indeterminato.

Questi fattori ci portano verso la terza definizione di depressione: un rallentamento che durerà più a lungo delle recessioni degli ultimi 80 anni. Il Congressional Budget Office ha avvertito che il tasso di disoccupazione rimarrà ostinatamente alto per il prossimo decennio, e la produzione economica rimarrà depressa per anni a meno che non vengano apportate modifiche al modo in cui il governo tasse e spende., Questi tipi di cambiamenti dipenderanno da un ampio riconoscimento che le misure di emergenza non saranno quasi sufficienti per ripristinare l’economia statunitense alla salute. Ciò che è vero negli Stati Uniti sarà vero ovunque.

Eurasia Group

Nei primi giorni di pandemia, il G-7 i governi e le loro banche centrali si è spostato rapidamente per sostenere i lavoratori e le imprese, con il sostegno del reddito e linee di credito nella speranza di pulizia e riassetto di loro fino a quando si può tranquillamente riprendere la normale attività., La Fed, la Banca Centrale europea, la Banca d’Inghilterra e la Banca del Giappone hanno buttato fuori il libro delle regole per aggiungere un supporto senza precedenti per garantire che i mercati potessero continuare a funzionare.

Questo supporto di liquidità (insieme all’ottimismo su un vaccino) ha stimolato i mercati finanziari e potrebbe continuare a elevare le scorte. Ma questo ponte finanziario non è abbastanza grande da coprire il divario tra vitalità economica passata e futura perché COVID-19 ha creato una crisi per l’economia reale. Sia l’offerta che la domanda hanno subito danni improvvisi e profondi., E diventerà progressivamente più difficile politicamente imporre il secondo e il terzo blocco.

Ecco perché la forma della ripresa economica sarà una sorta di brutto “swoosh frastagliato”, una forma che riflette un processo di ripresa stop-start lungo un anno e un’economia globale che inevitabilmente riaprirà per gradi fino a quando un vaccino non sarà a posto e distribuito a livello globale.

Cosa potrebbero fare i leader mondiali per ridurre questa depressione globale? Potrebbero resistere all’impulso di dire alla loro gente che i giorni più luminosi sono proprio dietro l’angolo., Le persone hanno bisogno di leader per assumersi la responsabilità di decisioni difficili.

Da un punto di vista pratico, i governi potrebbero fare di più per coordinare i piani di contenimento dei virus. Ma potrebbero anche prepararsi alla necessità di aiutare i paesi più poveri e più colpiti a evitare il peggio del virus e la contrazione economica investendo le somme necessarie per tenere questi paesi in piedi. La mancanza di leadership internazionale di oggi peggiora le cose., Se la COVID-19 può insegnare ai leader mondiali il valore di lavorare insieme per evitare catastrofi comuni, le future emergenze globali saranno molto più facili da gestire per il bene di tutti. Sfortunatamente, non è questo il percorso che stiamo seguendo.

Questo appare nel numero di TIME del 17 agosto 2020.

Il Coronavirus breve. Tutto quello che c’è da sapere sulla diffusione globale di COVID-19

Grazie!,

Per la tua sicurezza, abbiamo inviato un’e-mail di conferma all’indirizzo che hai inserito. Clicca sul link per confermare la tua iscrizione e iniziare a ricevere le nostre newsletter. Se non si ottiene la conferma entro 10 minuti, si prega di controllare la cartella spam.

Contattaci all’indirizzo [email protected]

Leave a Comment